Home Dialetto marsicano piscanalese La frommica e la cicala
Stampa E-mail

La frommica e la cicala

La frommica e la cicala
di Emilia De Vecchis

LA FROMMICA E LA CICALA

LA FORMICA E LA CICALA

Se ‘nfronta ‘na frommica
zicarella
co ‘na cicala alquanto
‘ntistarella:
“quelo che i rauno
co sudore,
tu no lo po’ sciupà
senza pudore!”
Responne la cicala
‘mpertinente:
“la bella libbertà
che m’appartiene
i me ‘’la gioco
quando me conviene!”
Se sturba la la frommica
per l’ardire:
“cerca de no venì
quando po’ piove!
Chiudo la porta
co settanta assette
e va ‘ a murì ammazzata
a ti e sa scrianzata!”
Replica la cicala
co vemenza:
“se po’ sapè che vò
e chi te penza?
Remani sottoterra
co prudenza
ma i me sciuscio
tutta la credenza!”
Bisticcia una piccola
formica
con una cicala abbastanza
indisponente:
“quello che io raduno
co fatica,
tu non lo puoi sciupare
con superficialità!”
Risponde la cicala
impertinente:
“la bella libertà
che mi appartiene
io l’adopero
secondo i miei tornaconti!”
La formica rimane male
per la sfrontatezza:
“cerca di non chiedere aiuto
quando è cattivo tempo.
Chiudo la porta
con settanta mandate
e tu vai a morire ammazzata
brutta maleducata!”
Replica la cicala
con vemenza:
“si può sapere che vuoi
e chi ti cerca?
Resta sottoterra
con la tua prudenza,
nel frattempo io sperpero
tutti i tuoi averi”
Dialetto piscanalese
Testo e traduzione a cura di Emilia De Vecchis
Disclaimer Copyright
È vietata la copia anche parziale del contenuto di questa pagina senza l'autorizzazione scritta degli autori.
Copyright ©2012 FucinoLands.com


 
Copyright © 2020 FucinoLands. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.