Home Dialetto avezzanese Avezzane mi'
Stampa E-mail

Avezzane mi'

di Claudio Salvini

 

AVEZZANE MI'

 

 

…Avezzane mi’… che ppe’ ricordatte bisogna ìi lontane e ‘mpastasse ‘nnamese aje vere traffiche mitropolitane…
Quanne vòte aje ditte che mme facive schife; che m’annoiavæ, che nen ce steva gnende da fa’ ècche!
Quanne vòte m’hanne chieste: “…Ma ad Avezzano che c’è di bello?”
E ì’: “Gnende! Che cce po’ sta? Je cendre storiche è ‘ne castejje mézze rutte e ‘na colonna della vecchia cattedrale!
Je tarramute ha spallate tutt’cose!”

Avezzane mi’, i’ ieri stéve a Peruggia!
La conusci Peruggia?
Mbe’, te po’ lassa’ ‘a ‘occa aperta: tutti quiji palazzi andiche, i mattungini, le strade strette, i coluri e la storia che cresce pe’ quelle vie da sembre!
I vajùli so’ bejji.
L’aria è bella.
Me pare ‘ne quadre.
Po’ aje penzate: ma è tutt’èsse’?
Bellezza, andichità e mattungini?
Che cce sta a Peruggia… o a Viterbo che me fa vetè più bejje de te ‘sse città?
Aje penzate… e repenzate… e nen aje capite gnende!
Intante corre, me stanche pe’ calà ddu’ etti de panza, pe’ guardà rìtte nej’occhi le vajòle e… nen ce stenghe a capì gnende.
Le fronne de Piazza Turlonia stanne sèmpe ècche: so’ de quattre stagioni!
Chi sse ne frega se è ‘nnimmerne o ‘state o autunne: le fronne de Piazza Turlonia pittano de gialle, verde e marrone i marciapeti pe’ ddudice mese!
Je Castéjie èsse sotto me fa’ veni’ vòjia de arrivacce de corsa, e allunghe je passe!
Ce giro ‘ndorne, po’ pije ‘na via pe’ ìi verse San Bartolomme’: ce stanne i recinde arangioni, ché stanne a scava’.
Ce stanno quelle ddu’ prète che m’hanne fatto chiede a mamma, tanto tembe fa: “che cce steva èsse?” E essa me raccunteva della famijia se’… de je lache… e je tarramute!
Me recorde nonneme, e quanne je sse ‘nnumidivene ji occhie e me parleva accuscì:

“Je tarramute tòna e rendòna!
Je tarramute pare ch’ atà piòve’ je ciele.
Te fa ggirà la còccia
pe’ ì cerchenne comme cupritte.
Te fa tremà le còsse.
E po’…

Nen piove acqua…
Nen fa’ furmini…
Ma neveca porvere e fa rumore!
‘Ne rumore che t’acceca i penzieri.
Te recopre de silenzie…
Pure se vvo’ strilla’.
Pure se ssi’ angora vìve
t’ammazza dendre.

È la giestizia della terra!
Essa se’ ribella quanne te’ raggione:
vordi’ che séme fatte caccosa de sbajiate…
quanne strilla accuscì forte!…”

Resalghe pe’ je commune!
‘Nnammese aje sutore, me lécche ddu’ lacrime.
Mo’ vojie ìi ‘m biazza!
Vojie vete’ chi ce sta, e po’ revaje a casa.
Eccheme qua: je sòle ha ‘nvojiate ne poco de ziuni e mamme che i vajulitti a esci’ e refiata’ ‘st’aria fresca e pulita.
De quiji che conosco ì, a quest’ora nen se ne vede manche une! Stanne tutti a ddurmi’, che hanno fatte tarde ieri sera.
Po’ pènze che proprio quiji comme mmì dovrìane reda’ ‘na spenta a ‘ssa città; proprie quiji che a venticinque anni so’ capace de di’:
“…Oooh! Mo’ che sso’ ffatte tutte, me trove ‘ne laore, me fidanze e stengh’a pposht’!…”
Steng’ ‘ne poche in silenzie… ‘ncupite!
Cioè: non è che steva a parla’ a arda voce prima, ma mo’ azzittisco pure i penzieri… pe’ ddu’ minuti!

… …

…Annuso, guardo e vivo il momento, semplicemente, senza obbligarmi a dargli un significato particolare, senza appesantire ogni immagine di chissà quale obiettivo…
Semplicemente attraverso la piazza e torno verso casa…

… …

…Forse è le vere: ce portéme dendre la paura che tutto po’ refini’, n’atra ‘òta!
Che nen vale la pena laora’ pe’ ‘na terra che ce vo’ male!
Forse è che nen ce recordéme comme era bella ‘ssa città: che era ‘ne paesitte in bianghe e nire… comme tutta la Marzica.
Forse è vere quelle che penseva Nino: la voce de’ quìji pochi remasti era troppo tébbele pe’ fasse sendi’ ai gnòvi abbitanti.
Forse è che sso’ venuti troppi mallandruni a rubbacce la terra e a ‘ngannacce, quanne eravame tébbeli e feriti.
Forse so’ vere tutte quanne ‘sse cose.
Oppure potéme fa’ finta de gnente.
Potéme cancellà tutte, co’ ‘nne seconde… occhiènnece ‘m faccia… come quanne ce saluteme pe’ lla via.
Arza’ la còccia da terra, strilla’ forte nelle ‘recchie de chi ce passa ‘nnanze:
“Oh! ‘Dde ‘ddo séme nu’?…”
E ppo’ vede’ quij’atre che ride de còre e ce responne:
“…Nu’ séme d’Avezzane… Avezzane mi’!”
…Avezzane mi’… che ppe’ ricordatte abbisogna ì lontane e ‘mpastasse ‘nnammese aje vere traffiche mitropolitane…
Quanne vòte aje ditte che mme facive schife, che m’annoievæ, che nen ce steva gnende da fa’ ècche!
Ma mo’…
Se cacchidune me chiede:
“…Ma ad Avezzano cosa c’è di bello?”
I me mettesse a ride, po’ je guardésse ‘nfaccia e, ne poche scherzènne… ma ‘ne poche che je core ‘n mane, ce ficesse:
“…Avezzane? C’atà venì!…
Atà vedè le fronne de Piazza Turlonia… atà respirà l’aria fresca doppe ‘na piovta.
Atà conosce la ggente che t’aocchia ‘n faccia…
Atà capì che cce sta sotte le prète deje terramute e ‘nammese alla terra dejie Fucine…
E quanne vite ‘na via rotta… o ‘na cosa lassata a metà, arrecchia, sentirai ‘na ‘oce che dice: “Èsse s’atà vetè che s’atà fa’, Avezzane séme nu!…”

 

 

     

Fonte libro: Noi! (...ae)

   
Dialetto avezzanese

   


 

Aggiungi commento

Qui puoi scrivere un tuo commento

- Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
- I campi "richiesto/a" sono obbligatori.
- Il tuo commento verrà pubblicato previa visione dell'amministratore di FucinoLands
- I Commenti ritenuti offensivi verranno eliminati.
- E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.
- I dati raccolti con questa form saranno inseriti in una anagrafica e saranno trattati nel rispetto del Decreto Legislativo 196/2003.


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA
Copyright © 2020 FucinoLands. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.