Home Dialetto tagliacozzano LA CAFÒNA E JO SCARPÀRO
Stampa E-mail

LA CAFÒNA E JO SCARPÀRO

di Luigi Venturinii

 

 

LA CAFÒNA E JO SCARPÀRO LA CAFONA ED IL CALZOLAIO

E’ un gustoso duetto tra un ciabattino ed una “cafona”,
la quale ha bisogno di un paio di scarpe nuove per fare
bella figura nel prossimo giorno di festa.
L’evidente doppio senso che affiora, rende questa
composizione simpaticamente ben accetta.
Una grande opera di un tempo senza tempo del maestro Luigi Venturini.

 

Imme compare Pè famme jo piacere
famme ’no paro ’e sacri e fatte bè;
l’oglio scollate de’ crapitto e nere
pe’ comparì domenica che vè
Non ’mi penza commà
ma mo i penzo i’
’ncomenzate assettà
aspettame ‘na crì
Jo vidi che peuzzo delicato
se la merita bella ’na scarpetta
perciò Francisco mi se ’innamorato
non vede l’ora che po me la metta.
Te pare mo commà,
ma mo i penzo i’
’ncomenzate assettà
aspettame na crì
Oh! Che misura giusta ’nduvinata
bravo, compare Pè si ’no portento.
Te l’icio pronte me si accontentata
puri Francisco mi sarà contento.
Le vidi mo commà
comme te servo i
tu non mi adà penzà
e sbricate a reenì

E’ un gustoso duetto tra un ciabattino ed una “cafona”,
la quale ha bisogno di un paio di scarpe nuove per fare
bella figura nel prossimo giorno di festa.
L’evidente doppio senso che affiora, rende questa
composizione simpaticamente ben accetta.
Una grande opera di un tempo senza tempo del maestro Luigi Venturini.

 

Dimmi compare Peppe fammi il piacere
fammi un paio di sandali fatti bene;
le voglio scollate di capretto e nere
per comparire domenica che viene
Non ti preoccupare commare
ma adesso ci penso io
cominciati a sedere
aspettami un po
Lo vedi che piedino delicato
se la merita bella una scarpetta
perciò Francesco mio s'è innamorato
non vede l'ora che poi me la metta.
Ti sembra mò commare,
ma adesso ci penso io
cominciati a sedere
aspettami un po
Oh! Che misura giusta indovinata
bravo, compare Peppe sei un portento.
Te le chiedo pronte mi hai accontentata
anche Francesco mio sarà contento
Lo vedi adesso commare
come ti servo io
tu non ci devi pensare
e sbrigati a ritornare
Fonte: Vivere la Marsica N. 2 di luglio 2006
Dialetto tagliacozzano
Traduzione a cura di Paolo Lo Russo
FucinoLands.com

 



 

Aggiungi commento

Qui puoi scrivere un tuo commento

- Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
- I campi "richiesto/a" sono obbligatori.
- Il tuo commento verrà pubblicato previa visione dell'amministratore di FucinoLands
- I Commenti ritenuti offensivi verranno eliminati.
- E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.
- I dati raccolti con questa form saranno inseriti in una anagrafica e saranno trattati nel rispetto del Decreto Legislativo 196/2003.


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA

Articoli correlati

Copyright © 2020 FucinoLands. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.