Home Dialetto cesense Signor Sindaco sonnà no è proebbito
Stampa E-mail

Signor Sindaco sonnà no è proebbito

di Lorenzo Cipollone

 

Signor Sindaco sonnà no è proebbito Signor Sindaco sognare non è proibito
   
Quanno me ll’hao ditto non ci ‘óléva créte: pò èsse che mmó
ddu perzone ‘mportanti dejjo commune véo alle Cèse e se mittono
a parlà có’ nu? Pò èsse che ci sse séntono e che ppó’, macàri, fao
quelo che ci ticémo? Me sò’ puri preoccupato pé’ ‘ssi vajjóli della
Pro Loco, pé’ jo laóro rósso che atévano fa’ pé’ mmette microfoni,
artoparlanti, sègge, banchi, penzènne che la ggente era ‘nteressata
a quelo che sarrìano ditto, che se jji ‘ólesse sentì.
E sò venuti pé’ ddavero. C’hao sentuto e hao puri parlato.
Però, Signor Sindaco, nonn’è che sémo capito tanto e tutto!
Te llo potémo repète mò quélo che semo ditto quela sera? Se ppó’
ci respunni, mbeh, trovémo comme ressupricàreci:
1) Che sò’ ‘ssi motivi burocratici pecchè la Pro Loco, dóppo ddu
anni, ancora non pò entrà all‘asilo? Lo che è? Mentri ji scautti, biati
a issi, ci sò entrati sùbbito sùbbito alle scòle, ‘sti vajjóli non póo fa’
gnisciuna delle cóse bbòne che ‘olévano e vóo fa’ pé’ jjo paéso.
Mó c’hao ditto che ‘n póco témpo resorvono tutto. Ci ‘olémo créte.
Nu penzémo, però, che se i motivi ji fossèmmo saputi puri nu,
ci sarrèmmo sentuti meno frecati e più ‘nteressati ajji problemi
dejjo commune.
2) Signor Sindaco, lo sa che a póchi métri dajjo commune che
rappresénti (le Cèse fa parte dejjo territorio de Avezzano o no?),
stao a costruì ‘na discareca ròssa ròssa? Tanto ròssa che ci fa
penzà che non pò èsse che sèrve solo a quiji de Capistrejjo,
ma che, fórze, addimà, pò èsse utile a cacchetun atro
(sò ditto pò èsse, Signor Sindaco, pò èsse). A nu c’hao ditto
che tu non ne sa gnente. Ma ci potemo créte?
Signor Sindaco, le patane de Fucino no’ sò’ più bbòne cómme
‘na ‘òta: nonn’è che pó’, sempre addimà, j’avezzanesi se véo
a crompà le patane ‘nnacquate có’ ll’acqua della Rafia nostra?
3) Ma jo commune de Avezzano ji tè’ o no ji tè’ i sordi?
Ajjo bbilancio che stéte a scrive mó sulle cóse da fa’, le Cèse
ci stao scritte o nó? O puramènte stéte a cercà cacche atro
‘ncrocio de ‘Vezzano da fa’ bejjo? Varda che ji ‘ncroci pé’
Avezzano sò’ scurti, che j’avezzanesi non ne póo più de umidità.
Spennéteji quattro sordi pé’ le Cese.
E’ lo vero che ji sordi non ci stao, ma che ci starrìano se cacchetuno
dicesse che ci stao? Non me stenco a ‘ncartà, stenco a cercà de fa’
‘no raggionamento co’ le curve comme quijo che semo sentuto.
E’ possibbile che le cóse se fao solo se cacchetuno le raccomanna?
Ma ci sta ajjo commune cacchetuno che pé’ mestiero pènza alle
cóse da fa’? Varda che le cóse da fa’ ècco ci nne stao, e tante:
Le fogne sò’ ‘ntasate, puzzano, ci stao i surgi. L’urdima ‘òta so’
state polite dajji vajjóli delle Cèse, jo secolo scorso, pé’ ‘no
pressepio vivente. Ecco scòppa jo colèra! E ‘na mani ci lla dà puri
la machina che polisce le vie: ‘mmece de polì, ci porta lo spórco
d’Avezzano… pé’ fortuna che non passa pé’ tutte le vie
(comme atarrìa fa’). Varda che le stalli ‘mméso ajjo paeso
non ci stao più. Se puri ci sta cacche zuzzono non è che pé’ isso
atemo patì tutti quanti. E ppó’ ci stao le fogne che non ci stao
e che c’atarrìano sta. Chi lo sa se è tróppo avè’ ‘no soprallòco …
tannico, quanno piove? Pecché lo ‘ó’ sapé che succète?
L’acqua ria adó’ ci pare e piace, senza èsse ‘ncanalata, e pò èsse
che piglia la via delle casi nostre e l’allaca e ci sse ruìnano i presutti,
le machine, lo vino, j’attrezzi e tutto quanto. E chi paca?
Non penzà che abbàsta métte ‘no lucchitto alle porte o alle finestre
o ajji cancejji pé’non fa succete ‘no libberanosdomini alle scòle
vècchie. Fórze pé’ la legge pò sta’ sicuro, ma la cosciénzia de tutto
quélo che s’ateva fa e non s’è fatto, dde chi è? Spallétele.
Non penzo che le Belle Arti (‘n’atra ‘òta!) se rescótono ‘no palazzono
pericoluso (o fórze v’hao ditto de aggiustàrele?)
Signor Sindaco,‘na fontanella pé’ bbéve, pé’ piacéro, pé’ beve.
Viti che nu, pé’ jo fatto che le casi delle Cèse sò scritte comme se
stissero a piazza Risorgimento e che pachémo caramàro tutti i servizi
(puri quiji che non tenémo), potarrèmmo pretènne puri ‘na fontana
comme quela che sta vecino ajjo liceo a ‘Vezzano. Ma no, tróppi sordi!
Ma ‘no schizzo, èh, Signor Sindaco, ‘no schizzitto pé’ abbellì sto paeso?
E jamme, mettémocijjo ajjo cunto.
‘N’atra cósa e ppé’ sta‘òta è l’urdima. Cénto métri de marciapièto.
Dall’urdima casa ajjo Camposanto sò’ 100 métri. 100 métri che, pé’ chi
va a trovà i morti sì, sò’ ‘no carvario. E sò’ perzone anziane, che téo
puri cacche acciacco. Atào passà pé’ j’asfardo e a ogni rumoro de
machina atào sardà (?) sopri l’erba pé’ no’ èsse acciaccate, e ppó’
atào repassà pé’ lla via pé’ non se cascà có’ ji ‘ntróppechi, i zippi,
le crèpe, l’erba ‘mbossa. Possibbile che non è ravanzato gnisciuno
sordo dajji laori de Camposanto pé’ ffa’ ‘sto marciapièto? E seppuri
non sò’ ravanzati, quanto se nne pò i’ pé’ fàrejo?
Reverisco.

(Lo)Renzo

Ps: Mai comme mò sonnà no è proebbito.
Quisto è jo sónno mi… Cacchetun atro se pò sonnà ‘n’atra cósa.
‘Nzemmia potarrèmmo fa’ ‘no paeso gnóvo… armeno có’ lla fantascìa. 
 Quando me lo hanno detto non ci volevo credere: può essere che adesso
due persone importanti del Comune vengono a Cese e si mettono
a parlare con noi? Può essere che ci ascoltano e che poi, magari, fanno
quello che gli diciamo? Mi sono preoccupato per questi ragazzi della
Pro Loco, per il grande lavoro che dovevano fare per mettere i microfoni,
altoparlanti, sedie, banchi, pensando che la gente era interessata
a quello che avrebbero detto, che se li volevano sentire.
E sono venuti per davvero. Ci hanno sentito e ci hanno anche parlato,
Però, Signor Sindaco, non è che abbiamo capito tanto e tutto!
Te lo possiamo ripetere adesso quello che abbiamo detto quella sera? Se puoi
ci rispondi, beh, troveremo come [replicare];
1) Quali sono questi motivi burocratici perchè la Pro Loco, dopo due
anni, ancora non può entrare all'asilo? Perchè? Mentre gli scouts, beati
loro, ci sono entrati subito subito alle scuole, questi ragazzi non possono fare
nessuna delle cose buone che volevano e vogliono fare per il paese.
Adesso ci hanno detto che in poco tempo risolvono tutto. Ci vogliamo credere.
Noi pensiamo, però, che se li avessimo conosciuti i motivi anche noi, 
ci saremmo sentiti meno [imbrogliati] e più interessati ai problemi
del Comune.
2) Signor Sindaco, lo sa che a pochi metri dal Comune che
rappresenti (Cese fa parte del territorio di Avezzano o no?),
stanno costruendo una discarica grande grande? Tanto grande che ci fa
pensare che non può essere che serve solo a quelli di Capistrello,
ma che, forse, domani, può essere utile a qualcun'altro
(ho detto può essere, Signor Sindaco, può essere). A noi ci hanno detto
che tu non ne sai niente. Ma ci possiamo credere?
Signor Sindaco, le patate del Fucino non sono più buone come 
una volta; non è che poi, sempre domani, gli avezzanesi si vengono
a comprare le patate annacquate con l'acqua della [Rafia] nostra?
3) Ma il Comune di Avezzano ce l'ha o non ce l'ha i soldi?
Al bilancio che state scrivendo adesso sulle cose da fare, Cese
ci sta scritta o no? O semplicemente state cercando qualche altro
incrocio di Avezzano da abbellire? Guarda che gli incroci per
Avezzano sono finiti, che gli avezzanesi non ne possono più dell'umidità.
Spendeteli quattro soldi per Cese.
E' vero che i soldi non ci sono, ma che ci sarebbero se qualcuno
dicesse che ci sono? Non mi sto incartando, sto solo cercando di fare
un ragionamento contorto come quello che abbiamo sentito.
E' possibile che le cose si fanno solo se qualcuno le raccomanda?
Ma c'è al Comune qualcuno che per mestiere pensa alle
cose da fare? Guarda che le cose da fare qui ce ne sono, e tante:
Le fogne sono intasate, puzzano, ci sono i sorci. L'ultima volta sono
state pulite dai ragazzi di Cese, il secolo scorso, per un
presepe vivente. Qui scoppia il colera! E una mano ce la da anche
la macchina che pulisce le strade: invece di pulire, ci porta lo sporco
d'Avezzano... per fortuna che non passa per tutte le strade
(come dovrebbe fare?). Guarda che le stalle in mezzo al paese
non ci sono più. Se anche c'è qualche zozzone non è che per esso
dobbiamo patire tutti quanti. E poi ci sono le fogne che non ci sono
e che ci sarebbero dovute essere. Chi lo sa se è troppo avere un sopralluogo...
tecnico, quando piove? Perchè lo vuoi sapere cosa succede?
L'acqua scorre dove ci pare e piace, senza essere incanalata, e può essere
che prende la via delle case nostre e le allaga e ci si rovinano i prosciutti,
le macchine, il vino, gli attrezzi e tutto quanto. E chi paga?
Non pensare che basti mettere un lucchetto alle porte o alle finestre
o ai cancelli per non far succedere un cataclisma alle scuole
vecchie. Forse per la legge puoi stare sicuro, ma la coscienza di tutto
quello che si doveva fare e che non si è fatto di chi è? Abbattetele.
Non penso che le Belle Arti (un'altra volta!) vogliano riscuotere un palazzone
pericoloso (o forse vi hanno detto di aggiustarle?)
Signo Sindaco, una fontanella per bere, per piacere, per bere.
Vedi che noi, per il fatto che le case di Cese sono censite come se
stessero a Piazza Risorgimento e che paghiamo caro e amaro tutti i servizi
(anche quelli che non abbiamo), potremmo pretendere anche una fontana
come quella che sta vicino al liceo ad Avezzano. Ma no, troppi soldi!
Ma un getto eh, Signor Sindaco, un piccolo getto per abbellire questo paese?
E andiamo, mettiamocelo in conto.
Un altra cosa e per questa volta è l'ultima. Cento metri di marciapiedi.
Dall'ultima casa al Camposanto sono 100 metri. 100 metri che, per chi
va a trovare i morti suoi, sono un calvario. E sono persone anziane, che hanno
anche qualche acciacco. Devono passare per la strada asfaltata e ad ogni rumore di
macchina devono saltare (?) sopra l'erba per non essere investite,  e poi
devono ripassare per la strada per non cadere con gli intralci, i rami,
le buche, l'erba bagnata. Possibile che non è avanzato nessun
soldo dai lavori del Camposanto per fare questo marciapiede? E se anche
non sono avanzati, quanti ce ne potranno volere per farlo?
Riverisco.

(Lo)Renzo

Ps: Mai come adesso sognare non è proibito.
Questo è il sonno mio... Qualcun'altro potra sognare un'altra cosa.
Insieme potremmo fare un paese nuovo... almeno con la fantasia.
 
        
        
Fonte: La Voce delle Cese N. 33 del 22 febbraio 2009    
Dialetto cesense
Traduzione a cura di Paolo Lo Russo
 
 Torna all'inizioFucinoLands.com

 



 

Aggiungi commento

Qui puoi scrivere un tuo commento

- Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
- I campi "richiesto/a" sono obbligatori.
- Il tuo commento verrà pubblicato previa visione dell'amministratore di FucinoLands
- I Commenti ritenuti offensivi verranno eliminati.
- E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.
- I dati raccolti con questa form saranno inseriti in una anagrafica e saranno trattati nel rispetto del Decreto Legislativo 196/2003.


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA
Copyright © 2020 FucinoLands. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.