Home Dialetto cesense I bar de ‘na ota! ...a cche Elide!!
Stampa E-mail

I bar de ‘na ota! ...a cche Elide!!

l’intervista doppia... di Emilio ed Elisa

 

 

I bar de ‘na ota! ...a cche Elide!! I bar di una volta! ...da Elide!
   
 NOME: Elide.  
 NOME DEL BAR: bar Elide.  
 ANNO DI APERTURA:  
 Me so sposata nel ’61
e ecco già steva apèrto, ci steva la mamma
de Fernando, Giuditta, che teneva ‘na trattoria
(‘na mesa cantina) e nu dovemmo lavorà
facenne i panini tutto jo jorno.
Quanno sò subbentrata ì ci stevano le travi
e le tavole de legno e quanno se faceva la
passatella ji segnevano loco ‘n cima gli olemi.
Ci mancheva solo la machinetta dejjo caffe
che la semo messa quanno semo restrutturato
l’urdima ota, nel ’77, e mentre stemm’a fà i lavori,
la bottega la semo spostata addò sta Imma oi.
Semo fatta l’inaugurazione della “casa” jo jorno
dejo matrimonio de Cesidio e semo dato da beve
a tutti quii che ci stevano.
Pe’ sto bar so passate 4 generaziuni e non ci sta
nisciuno a sto paese che non me conosce.
Sò lavorato pe’ 45 anni e sò sempre chiuso solo jo martedì.
Tutto quesso fino ajjo 12 de febbraio; quanno ha
raperto Manuela. Ormai se fao 3 anni a febbraio.
  Mi sono sposata nel '61,
e questo posto già era aperto, c'era la mamma
di Fernando, Giuditta, che aveva una trattoria
(una mezza cantina) e noi dovevamo lavorare
facendo i panini tutto il giorno.
Quando sono subentrata io c'erano le travi
e le tavole di legno e quando si faceva la
passatella facevano i segni là sopra agli olmi.
Ci mancava solo la macchinetta del caffè
che l'abbiamo messa quando abbiamo ristrutturato
l'ultima volta, nel '77, e mentre facemmo i lavori,
la bottega l'abbiamo spostata dove c'è Imma oggi.
Abbiamo fatto l'inaugurazione della "casa" il giorno
del matrimonio di Cesidio ed abbiamo dato da bere
a tutti quelli che c'erano.
Per questo bar sono passate 4 generazioni e non c'è
nessuno in questo paese che non mi conosce.
Ho lavorato per 45 anni ed ho sempre chiuso solo il martedì.
Tutto questo fino al 12 febbraio; quando ha
riaperto Manuela. Ormai sono 3 anni a febbraio.
   
 PARLACI DEL TUO BAR:  
 ‘Na cosa che ve ojjo propria dì è che
ecco dentro sò fatto sempre festa!
Quann’era carnevale metteva sempre
tutti gli addobbi e quanno erano le
festi non ci facemmo mancà mai niente!
Sò puri sempre ballato …a ‘na certa ora,
quanno jo bar se libereva, me ne sò
fatti de balli co’ Ermanno!
‘Na cosa curiosa che ve pozzo raccontà è
quanno ‘na sera sò affilate 24 brocchette
de vino, tutte ‘n cima ajjo bancono!
N’atra cosa che non è mai mancata a sto bar,
da quanno semo aperto, sò stati i giochitti.
‘Na ota teneva puri jo ping-pong,
la carambola e jo bijjardino.
Pensete che prima tenemmo quio co’ ji
mammoccitti de legno, po’ ì e Fernando ne
semo reportato n’atro che jo pijemmo a
Firenze durante jo viaggio de nozze.
Pensete che quanno i vajolitti comenzevano
a fumà venevano tutti ecco dentro e quanno
me vedevano jettevano la sigaretta comme
quanno vedevano le mammi.
Devo dì che maritemo Fernando m’ha sempre
dato ‘na mani e era puri ‘no sportivo.
Pensete che quanno se facevano le partite,
i’ eva all’Ara co’ ‘no banchitto e venneva birra,
coca-cola e acqua.
C’è stato ‘no periodo che semo puri
sponsorizzata la squadra delle Cese!!
Ne so succese de cose ecco dentro!!
‘Na ota me sò venuti puri a rubbà la sera
della festa, po’ i carabinieri delle Cese j’hao pigliati.
Pensete che quissi prima erano venuti da mi a
pijarese le birre e non me lle oleano manco pagà!
 Una cosa che vi voglio dire è che
qui dentro ho fatto sempre festa!
Quando era carnevale mettevo sempre
tutti gli addobbi e quando erano le
feste non ci facevamo mancare mai niente!
Ho anche sempre ballato ...ad una certa ora,
quando il bar si liberava, ne ho
fatti di balli con Ermanno!
Una cosa curiosa che vi posso raccontare è
quando una sera ho messo in fila 24 brocchette
di vino, tutte sopra al bancone!
Un'alta cosa che non è mai mancata in questo bar,
da quando abbiamo aperto, sono stati i giochetti.
Una volta avevo anche il ping-pong,
la carambola ed il bigliardino.
Pensate che prima avevamo quello con i
pupazzetti di legno, poi io e Fernando ne
abbiamo riportato un altro che lo prendemmo a
Firenze durante il viaggio di nozze.
Pensate che quando i ragazzini cominciavano
a fumare venivano tutti qui dentro e quando
mi vedevano gettavano la sigaretta come
quando vedevano le mamme.
Devo dire che mio marito Fernando mi ha sempre
dato una mano ed era anche uno sportivo.
Pensate che quando si facevano le partite,
io andavo al Campo con un banchetto e vendevo birra,
coca-cola e acqua.
C'è stato un periodo che abbiamo anche
sponsorizzato la squadra del Cese!!
Ne sono successe di cose qui dentro!!
Una volta sono venuti anche a rubare la sera
della festa, poi i carabinieri di Cese li hanno presi.
Pensate che questi prima erano venuti da me a
prendere le birre e non me le volevano neanche pagare!
 
 ...E LA BIRRA?  
 La spina e la birra sò sempre state
quelle della Nastro Azzurro.
Quela machinetta che teneva, mella sò
fatta dà dalla coca-cola e infatti la birra
non cilla poteva manco mette, ma alla fine
cilla sò messa lo stesso.
Pensete che quanno sò chiuso, dopo 40 anni
che la teneva, vecchia com’era, se la sò venuta a repijà!!
  La spina e la birra sono sempre state
quelle della Nastro Azzurro.
Quella macchinetta che avevo, me la sono
fatta dare dalla coca-cola e infatti la birra
non avrei potuto neanche metterla, ma poi
l'ho messa lo stesso.
Pensate che quando ho chiuso, dopo 40 anni
che l'avevo, vecchia com'era, se la sono venuta a riprendere!!

   
 PRO E CONTRO:  
 lo bejjo de sto bar è che me sò sempre
divertita, quanno capiteva che se tratteva de canta’, i’ canteva
e quanno ci steva da balla’, i’ balleva…a mi me mancano ste
cose puri se sò faticato tanto. Pensete che ancora mo, tanta
l’abitudine, quanno ai vajjoli ci chiedi “addò si stato?” quii se
sbagliano e te respunnono “a cche Elide!”
  il bello di questo bar è che mi sono sempre
divertita, quando caitava che si trattava di cantare, cantavo
e quando c'era da ballare, ballavo...mi mancano queste
cose anche se ho faticato tanto. Pensate che ancora adesso, tanta
è l'abitudine, quando ai ragazzi domandi "dove sei stato?" quelli si
sbagliano e ti rispondono "da Elide!"

   
   
   
   
Fonte: La Voce delle Cese N. 10 del 8 aprile 2007    
Dialetto cesense
Traduzione a cura di Paolo Lo Russo
  Torna all'inizioFucinoLands.com

 



 

Aggiungi commento

Qui puoi scrivere un tuo commento

- Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
- I campi "richiesto/a" sono obbligatori.
- Il tuo commento verrà pubblicato previa visione dell'amministratore di FucinoLands
- I Commenti ritenuti offensivi verranno eliminati.
- E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.
- I dati raccolti con questa form saranno inseriti in una anagrafica e saranno trattati nel rispetto del Decreto Legislativo 196/2003.


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA
Copyright © 2020 FucinoLands. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.