Home Dialetto cesense Penza’ a Natale
Stampa E-mail

Penza’ a Natale

Da “Angeli co’ jji quajji” di Osvaldo Cipollone

 

 

Penza’ a Natale Pensare a Natale
   
Jo monto accappato da bbianche linziòla,
jo célo e lla terra de ‘na ténta sòla;
le térri rarate co’ ssénza cumbini,
le fratti, i fóssi de nève repini.
Jo fumo fatica a llassa’ jo cammino,
se nn’èsce, po’ rréntra, sta lòco vecino.
La stalla rescalla ‘na vacca che ruma
e mmanna n’addoro de latto che ffuma.
‘Na mamma allatta vecin’ajjo fóco
‘n’ cìtio conténto ch’è nato da póco.
La pace s’appósa addugni te ‘uti
e ppuri i rumori reventano muti.
Me piace ‘sto pósto co’ ll’aria speciale
che ttè’ ‘no presepio…
Fa penza’ a Nnatale.

 Il monte avvolto da bianche lenzuola,
il cielo e la terra di una tinta sola;
le terre arate con senza confini,
le fratte, i fossi di neve ripieni.
Il fumo fatica a lasciare il camino,
Se ne esce, poi rientra, sta lì vicino.
La stalla riscalda una vacca che rumina
e manda un odore di latte che fuma.
Una mamma allatta vicina al fuoco
un neonato contento che è nato da poco
La pace si posa ovunque ti giri
e pure i rumori ridiventano muti.
Mi piace questo posto con l'aria speciale
che ha un presepe...
Fa pensare a Natale.
 
 
 

        
        
Fonte: La Voce delle Cese N. 8 del 24 dicembre 2006    
Dialetto cesense
Traduzione a cura di Paolo Lo Russo
  FucinoLands.com

 



 

Aggiungi commento

Qui puoi scrivere un tuo commento

- Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
- I campi "richiesto/a" sono obbligatori.
- Il tuo commento verrà pubblicato previa visione dell'amministratore di FucinoLands
- I Commenti ritenuti offensivi verranno eliminati.
- E' severamente vietato qualsiasi tipo di spam.
- I dati raccolti con questa form saranno inseriti in una anagrafica e saranno trattati nel rispetto del Decreto Legislativo 196/2003.


Codice di sicurezza
Aggiorna


Anti-spam: complete the taskJoomla CAPTCHA
Copyright © 2020 FucinoLands. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.